Passa ai contenuti principali

Lez Rock L.A.C.K.S. by @fabioaxlsilv

Cari amici rockers è per me un immenso piacere darvi il benvenuto a L.A.C.K.S., un piccolo salotto un po' burlesque, con qualche soprammobile kitsch, dove ci si può sempre sedere su una comoda poltrona, accendere un giradischi e iniziare un viaggio con il gracchiare di un vinile. Un soggiorno in cui aleggia nell’aria un mantra “Là dove c'è buona musica troverai persone vere”. 

Chi ha visto le anteprime pubblicate finora dalla redazione di LEZ Rock può essersi fatto un'idea. Beh, è finalmente arrivato il momento in cui posso svelarvi ogni segreto, ogni arcano mistero dietro a questo acronimo e voglio cominciare dal suo significato letterale. 

Lacks è una parola inglese che significa "vuoto, lacuna, mancanza". Chi non le ha mai avute, sentite sulla propria pelle, nelle proprie viscere del proprio ego nella vita?! Tutti, è inutile far finta. Ognuno di noi sicuramente ha provato un senso di inadeguatezza davanti a qualcuno o qualcosa in una data situazione durante la propria esistenza. Ecco, è proprio da questo senso di disagio che nasce questa parola sotto forma di acronimo. 

Ogni lettera di "L.A.C.K.S". rappresenta un cantante che con le sue parole e il suo canto ha colmato i vuoti creati da tutti quei sentimenti così avversi ad una serenità che, invece,  dovrebbe pervadere ed irradiare un adolescente. Ognuno ha il proprio vissuto ed ognuno ha le proprie voci pronte a renderli migliori e decisamente più tollerabili.  Oggi voglio parlarvi delle mie una ad una. 

L di Liam Gallagher; l'ex front man degli Oasis è quello che si distacca un po' per genere musicale dagli altri visto che insieme a suo fratello Noel sono stati colonna portante del britpop. Nel 2017 in un'intervista ha dichiarato: "Sono un pugile solitario contro tutto e tutti."  Ponendo un occhio di bue su una sua indole decisamente rock. Lo è stato davvero per me perché mi incarnavo empaticamente quando vedendolo col microfono tra i denti, le mani dietro la schiena, il volto offerto alla vita e con in testa una delle sue frasi emblematiche in loop "io posso solo essere me stesso e nessun altro". 

A di Axl Rose. La voce simbolo del "dannato" sleazy rock degli anni 80. Con il suo atteggiamento da ribelle spavaldo ha incantato e fatto urlare tutte quelle generazioni che hanno dovuto fare a pugni con la loro vita, d'altra parte non ci si può aspettare molto di diverso da uno come lui che si è visto condire la propria adolescenza da menzogne e violenza. Con le sue urla è riuscito ad allontanare tutto questo e ad avvicinare ogni anima sconvolta dalla brutalità che la società riserva sempre ai più deboli. 

C di Chester Bennington. Nelle mie orecchie risuonerà sempre come un urlo di un angelo a cui hanno spezzato le ali, il suo groove è stata pura alchimia unendo melodia e scream. Una carezza e un abbraccio senza il quale non si può capire il proprio dolore attraverso quello altrui sentendoti meno solo al mondo. 

K di Kurt Cobain. Il graffio dell'esistenza, il grido del grunge, la desolazione esistenziale, l'emblema del: "Non potrete farmi più male di quanto me ne sia già stato fatto.", colui che mi ha insegnato che quando non riesci a far qualcosa è semplicemente perché trovi una scusa buona per rimanere nel nido sicuro che però ti va stretto, colui che, malgrado tutto, nonostante "i pesci possano essere mangiati perché non hanno sentimenti" ha insegnato a tutti che è meglio essere odiati per come si è piuttosto che essere amati indossando una maschera. 

S di Scott Weiland. Un'anima complessa, un cantante che dal palco al “between the scenes” era un casino totale. Uno sguardo profondo, delicato, sfrontato, selvaggio e maledettamente puro che illumina il mondo col desiderio recondito di darlo alle fiamme. Semplice, grezzo e perfetto come il suo timbro che se spaccava tutto! Alfa ed Omega della fragilità, Zenith del canto. Queste sono state le mie voci, spero che insieme a me possiate trovare le vostre. Siamo quindi arrivati alla fine della prima di L.A.C.K.S. spero vivamente che siate stati bene in questo salotto e che abbiate la voglia di tornare a farvi un altro cicchetto a suon di rock! 

Un saluto dal vostro @fabioaxlsilv! Stay tuned and FILL YOUR L.A.C.K.S.

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista allo storico club underground di Genova, il Quaalude!

Abbiamo intervistato i gestori del locale storico Genovese, il QUAALUDE, sito in Piazza Sarzano e  punto di ritrovo per tutti i rockers della città; in questo momento sta soffrendo gli effetti della pandemia, come tutto il settore live. Ecco cosa ne pensano di tutto ciò: La nostra prima domanda sarebbe "come va?", ma conosciamo la situazione e allora vi chiediamo, quanto vi manca potere lavorare e il contatto con i vostri rockers di Genova?  Non hai idea di quanto soffriamo! Mi capirai se ti dico che il Club per noi è un vero momento di incontro con i nostri fratelli di musica, i Quaaluders, che da anni frequentano il circolo. Pensare a tutti i gruppi che ci contattano per una serata, il non poter nemmeno ipotizzare una data di riapertura.. E' veramente dura. Mentre stavamo provando una soluzione alternativa per riaprire e fare le nostre serate musicali è arrivato il nuovo (o meglio vecchio, vista la velocità con cui li scrivono...) DPCM, ultima mazzata per la quasi rovi

Rock film -School of Rock (2003)

Dewey Finn, eccentrico chitarrista costantemente al verde, viene cacciato dalla sua band e si ritrova a fare il supplente in una scuola per fortunati rampolli..... Guarda il film sul nostro blog LEGALMENTE acquistandolo da Google! ù