Passa ai contenuti principali

It's only rock 'n roll by Paolo Maiorino: Back in Black !?

Sempre in emergenza corona virus sviluppo una riflessione e la condivido con Voi.
E stavolta mi piacerebbe ricevere un feedback a riguardo, la vostra idea, cosa ne pensate. 



Parliamo degli Ac/Dc e del momento sicuramente più importante della loro storia. A cavallo tra il 1979 e l’80. Esce Highway to hell, apice dell’era Bon Scott, considerato un vero capolavoro dell’hard rock . Poi Scott decide bene di morire soffocato dal suo stesso vomito dopo l’ennesima sbornia e che succede ? La band australiana sbanda paurosamente? Si teme per il futuro ? Ci si prende un periodo di pausa , di riflessione ? Niente di tutto questo. 




Gli Ac/Dc individuano un sostituto in Brian Johnson, vanno sorprendentemente in studio e realizzano l’album della loro vita: Back in black . Sono passati esattamente 40 anni da quel momento e personalmente mi sto ancora chiedendo come sia stato possibile tutto ciò. E senza considerare l’aspetto puramente artistico : al di là del timbro vocale diverso ma Voi avete ascoltato il suono di Back in black ?!? Cosa diavolo è successo in quei pochi mesi ?





Una risposta non ce l’ho e non ho nemmeno una teoria a riguardo. Cosa sia scattato nella mente e nel cuore di Angus & soci. Di sicuro di li in avanti inizia una nuova era per il gruppo. È come se fossero due differenti bands ad essersi avvicendate : l’hard rock di stampo blues del periodo legato a Bon Scott degli anni 70 e quello heavy rock di Brian Johnson che inizia nel 1980, proprio con Back in Black. La recente scomparsa di Malcolm Young ha di fatto riproposto l’annosa questione: cosa è scattato nella loro testa all’indomani della tragedia di Bon????



Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Intervista a Ell'n' Rock

Ciao Elena, abbiamo visto come altre migliaia di persone le tue dirette Dj set su Facebook e vorremmo porti alcune domande.




Com'è nata l'idea di portare il Rock nelle case degli italiani con un Dj set live direttamente da casa tua?

Questo esperimento è nato quasi per caso : domenica 15 marzo doveva essere il mio primo esordio in pubblico come dj, avrei dovuto esibirmi al più importante motoraduno del Friuli assieme ad un altro collega, dj Pippo City rocker, ma causa imminente ordinanza per emergenza Covid19, l'evento è stato immediatamente annullato. Io ero talmente euforica ma delusa al contempo di questa improvvisa ordinanza, che non mi davo pace al pensiero di non potermi esibire in pubblico, così mi sono armata di coraggio e ho improvvisato un dj set in diretta sulla mia pagina pubblica, per la prima volta in vita mia, direttamente da casa e con i pochi mezzi tecnici che avevo a disposizione, intitolando questo progetto QUARANTENA IN ROCK.. Esperimento a quanto pare, inc…

Ell 'n Rock : Skunk Anansie

Il 1999 per me fu un anno di grandi emozioni... Sapete, ci stavamo avvicinando al 2000 e si stava per accedere ad una nuova era.. Nell'aria c'era eccitazione, paura del futuro ed al contempo felicità....ma eravamo tutti giovani, carichi di sogni ed allietanti prospettive. 

Anche io, come molte mie coetanee, al tempo quindicenni, ero alla scoperta di me stessa.. divisa tra musica rock ascoltata attraverso le orme del papà, sommersa da vinili e registrazioni video vhs, e le discoteche "unz unz" della domenica pomeriggio dove si consumavano i primi limoni duri da pellicola cinematografica negli angoli bui dei divanetti colorati. 

Felicità, strobo,fumi ed emozioni con Gigi d'Agostino in sottofondo ed un lieve giramento di testa dato dalle prime sigarette fumate a bocca. Il proibito dell'innocenza, gli anni più belli e genuini della vita. Ecco cosa significava per me avere 15 anni. 
Nello specifico, del 1999 però, ricordo con particolare fervore, un album che dal mom…