Passa ai contenuti principali

Mandolin Brothers @Alzati Lazzaro

Inizio stagione 2020 col botto all'Alzati Lazzaro di Gattorna  dove si sono esibiti gli esplosivi Mandolin Brothers!



Il set ha inizio con  le proposte dagli ultimi due album della band, che ha appena compiuto quarant'anni di attività (con numerosi cambi di formazione) , ed è subito rock 'n roll!

Il frontman Jimmy Ragazzon si esibisce da anni e lo si nota in tanti gesti e in tanti passaggi del cantato, in cui passa da sussurrare al microfono a urlare con il suo tono blueseggiante, bellissime le interpretazioni di It's Time e My Girl in Blue.



Alla chitarra poi i due: Paolo "hotfingers" Canevari e Marco Rovino si scambiano assoli del miglior rock blues e quando arrivano le canzoni che necessitano di mandolino ecco che Rovino si trasforma in un mostro di bravura con questo piccolo ma potente strumento.

Ritmica tenuta allla perfezione dal batterista Daniele Negro e dal bassista Joe Barreca, in grado di concedere gli spazi necessari agli assoli chitarristicima tenendo sempre una loro trama nelle tracce musicali. Il tocco di fisarmonica dato da Riccardo Maccabruni ci fa entrare nel blues delle origini e ci fa amare quel suono unico nel suo genere.



Bad Night, che parla di una nottata di eccessi, è una canzone che rientrebbe senza problemi in una compilation degli "Stones", malinconica ma rock al punto giusto, tratta dal loro ultimo album "6" che contiene anche Down Here ( eseguita in modo molto fedele al disco) e Face the Music , un inno al confrontarsi con la propria musica da parte dei musicisti.

Bellissima la reinterpretazione del classico di Dylan "Like a rolling Stone" che fa capire quanto questa band sia attaccata alle radici del rock blues e quanto sia divertente per  loro suonare insieme e per noi ascoltarli!

Insomma se queste sono le prospettive ci sarà da che divertirsi all' Alzati Lazzaro 2020!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Intervista a Ell'n' Rock

Ciao Elena, abbiamo visto come altre migliaia di persone le tue dirette Dj set su Facebook e vorremmo porti alcune domande.




Com'è nata l'idea di portare il Rock nelle case degli italiani con un Dj set live direttamente da casa tua?

Questo esperimento è nato quasi per caso : domenica 15 marzo doveva essere il mio primo esordio in pubblico come dj, avrei dovuto esibirmi al più importante motoraduno del Friuli assieme ad un altro collega, dj Pippo City rocker, ma causa imminente ordinanza per emergenza Covid19, l'evento è stato immediatamente annullato. Io ero talmente euforica ma delusa al contempo di questa improvvisa ordinanza, che non mi davo pace al pensiero di non potermi esibire in pubblico, così mi sono armata di coraggio e ho improvvisato un dj set in diretta sulla mia pagina pubblica, per la prima volta in vita mia, direttamente da casa e con i pochi mezzi tecnici che avevo a disposizione, intitolando questo progetto QUARANTENA IN ROCK.. Esperimento a quanto pare, inc…

Ell 'n Rock : Skunk Anansie

Il 1999 per me fu un anno di grandi emozioni... Sapete, ci stavamo avvicinando al 2000 e si stava per accedere ad una nuova era.. Nell'aria c'era eccitazione, paura del futuro ed al contempo felicità....ma eravamo tutti giovani, carichi di sogni ed allietanti prospettive. 

Anche io, come molte mie coetanee, al tempo quindicenni, ero alla scoperta di me stessa.. divisa tra musica rock ascoltata attraverso le orme del papà, sommersa da vinili e registrazioni video vhs, e le discoteche "unz unz" della domenica pomeriggio dove si consumavano i primi limoni duri da pellicola cinematografica negli angoli bui dei divanetti colorati. 

Felicità, strobo,fumi ed emozioni con Gigi d'Agostino in sottofondo ed un lieve giramento di testa dato dalle prime sigarette fumate a bocca. Il proibito dell'innocenza, gli anni più belli e genuini della vita. Ecco cosa significava per me avere 15 anni. 
Nello specifico, del 1999 però, ricordo con particolare fervore, un album che dal mom…