Passa ai contenuti principali

Rock stories- Jovi & Jagger

Tratto da Rock Bazar di M.Cotto

"Tony Bon Jovi, cugino di secondo grado di Jon, era proprietario degli studi di registrazione Power Station di New York, dove passava la crema del rock a incidere o missare. Così un giorno chiese a John: “Ehi, ti va di venire a lavorare da me in qualità di artista emergente? Però dovrai fare un po’ di tutto, dal fattorino all’inserviente”.

Jon Bon Jovi disse ovviamente sì, perché stare vicino al sogno è un modo per sognare meglio. Non sapeva che le sue giornate le avrebbe passate a preparare caffè, pulire pavimenti, andare a fare le commissioni. Dormiva sulla moquette dello studio e pensava che in fondo era davvero un privilegiato perché la spazzatura che portava via era quella dei Rolling Stones.

Il primo anno la sua paga ammontava a 52 dollari e mezzo a settimana, il secondo anno salì a 125. Nei tempi morti, quelli cioè in cui non doveva fare le pulizie, cercava di rubare i segreti alle star e di imparare come si fanno i dischi. Aveva anche il permesso di registrare i suoi provini prima che arrivassero i musicisti. Jon Bon Jovi entrava in studio poco prima che facesse alba, tanto dormiva lì e la mattina presto era già pronto.

Sembrava non succedesse mai niente di buono e dopo due anni Bon Jovi cominciò a perdere la fiducia. Quando già stava pensando di mollare tutto, incontrò Mick Jagger, che stava entrando in studio. Era la seconda volta che veniva lì a registrare. Mick lo riconobbe e gli disse: “Stai andando avanti con i tuoi provini? Tieni duro”.

Quella fu la più grande scarica di adrenalina che potesse desiderare.

Jon Bon Jovi si convinse che presto la ruota sarebbe girata."



Commenti

Post popolari in questo blog

Lez Rock L.A.C.K.S. by @fabioaxlsilv

Cari amici rockers è per me un immenso piacere darvi il benvenuto a L.A.C.K.S., un piccolo salotto un po' burlesque, con qualche soprammobile kitsch, dove ci si può sempre sedere su una comoda poltrona, accendere un giradischi e iniziare un viaggio con il gracchiare di un vinile. Un soggiorno in cui aleggia nell’aria un mantra “Là dove c'è buona musica troverai persone vere”.  Chi ha visto le anteprime pubblicate finora dalla redazione di LEZ Rock può essersi fatto un'idea. Beh, è finalmente arrivato il momento in cui posso svelarvi ogni segreto, ogni arcano mistero dietro a questo acronimo e voglio cominciare dal suo significato letterale.  Lacks è una parola inglese che significa "vuoto, lacuna, mancanza". Chi non le ha mai avute, sentite sulla propria pelle, nelle proprie viscere del proprio ego nella vita?! Tutti, è inutile far finta. Ognuno di noi sicuramente ha provato un senso di inadeguatezza davanti a qualcuno o qualcosa in una data situazione durante la

Intervista allo storico club underground di Genova, il Quaalude!

Abbiamo intervistato i gestori del locale storico Genovese, il QUAALUDE, sito in Piazza Sarzano e  punto di ritrovo per tutti i rockers della città; in questo momento sta soffrendo gli effetti della pandemia, come tutto il settore live. Ecco cosa ne pensano di tutto ciò: La nostra prima domanda sarebbe "come va?", ma conosciamo la situazione e allora vi chiediamo, quanto vi manca potere lavorare e il contatto con i vostri rockers di Genova?  Non hai idea di quanto soffriamo! Mi capirai se ti dico che il Club per noi è un vero momento di incontro con i nostri fratelli di musica, i Quaaluders, che da anni frequentano il circolo. Pensare a tutti i gruppi che ci contattano per una serata, il non poter nemmeno ipotizzare una data di riapertura.. E' veramente dura. Mentre stavamo provando una soluzione alternativa per riaprire e fare le nostre serate musicali è arrivato il nuovo (o meglio vecchio, vista la velocità con cui li scrivono...) DPCM, ultima mazzata per la quasi rovi

Rock film -School of Rock (2003)

Dewey Finn, eccentrico chitarrista costantemente al verde, viene cacciato dalla sua band e si ritrova a fare il supplente in una scuola per fortunati rampolli..... Guarda il film sul nostro blog LEGALMENTE acquistandolo da Google! ù