Passa ai contenuti principali

Motorpsycho a Genova


Siamo ritornati nella bella cornice genovese de La Claque, questa volta per ascoltare un gruppo storico: i Motorpsycho (non è un caso se il loro nome indica un qualcosa di ipnotico).
E’ un gruppo difficile da etichettare in una precisa categoria visto che nella propria carriera ha spaziato fra vari generi ed influenze.
Nell’esibizione di questa serata li potremmo definire degli hard rocker psichedelici, che ti ammaliano con la propria bravura e ti ipnotizzano con suoni tonanti e code strumentali interminabili.

Il set ha inizio con The Tower, seguita da Ship of Fools: due pezzacci che mettono in mostra le dita di acciaio di Hans Magnus Ryan, tutto barba e assoli infiniti presenti in ogni brano come marchio di fabbrica.

Altro gran bel rock viene fuori da Psychotzar, The Other Fool e The Cuckoo in cui la voce di Bent Sæther, membro fin dagli esordi della band, si fa sentire più spesso.
La percentuale tra voce e momenti strumentali è comunque assolutamente a favore della seconda componente nei lunghi brani, che in molti casi superano anche i dieci minuti. 

The Crucible e Mountain sono pezzi splendidi, realizzati come nella versione in studio.
Vi assicuriamo che qui l'effetto ipnosi si fa davvero sentire e si ha come la sensazione di essere parte integrante della band.
Il coinvolgimento è grande e vorremmo che la serata non finisse mai.

Purtroppo però la serata volge al ermine: il gruppo si congeda con le stupende Walking on the Water e 577, infinite marce psichedeliche di chitarra elettrica, basso, tastiera e una batteria provata dalle mille battute. 

La sezione acustica collocata a metà concerto passa quasi in secondo piano schiacciata tra brani più duri ed estremi che la band spinge fino alla morte. 

A La Claque di Genova i norvegesi Motorpsycho hanno ipnotizzato tutti, noi compresi, per  due ore e mezza di pura follia Hard rock molto molto progressivo e psichedelico, lasciandoci i timpani in fiamme ma felici e contenti. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Lez Rock L.A.C.K.S. by @fabioaxlsilv

Cari amici rockers è per me un immenso piacere darvi il benvenuto a L.A.C.K.S., un piccolo salotto un po' burlesque, con qualche soprammobile kitsch, dove ci si può sempre sedere su una comoda poltrona, accendere un giradischi e iniziare un viaggio con il gracchiare di un vinile. Un soggiorno in cui aleggia nell’aria un mantra “Là dove c'è buona musica troverai persone vere”.  Chi ha visto le anteprime pubblicate finora dalla redazione di LEZ Rock può essersi fatto un'idea. Beh, è finalmente arrivato il momento in cui posso svelarvi ogni segreto, ogni arcano mistero dietro a questo acronimo e voglio cominciare dal suo significato letterale.  Lacks è una parola inglese che significa "vuoto, lacuna, mancanza". Chi non le ha mai avute, sentite sulla propria pelle, nelle proprie viscere del proprio ego nella vita?! Tutti, è inutile far finta. Ognuno di noi sicuramente ha provato un senso di inadeguatezza davanti a qualcuno o qualcosa in una data situazione durante la

Intervista a Ell'n' Rock

Ciao Elena, abbiamo visto come altre migliaia di persone le tue dirette Dj set su Facebook e vorremmo porti alcune domande. Com'è nata l'idea di portare il Rock nelle case degli italiani con un Dj set live direttamente da casa tua? Questo esperimento è nato quasi per caso : domenica 15 marzo doveva essere il mio primo esordio in pubblico come dj, avrei dovuto esibirmi al più importante motoraduno del Friuli assieme ad un altro collega, dj Pippo City rocker, ma causa imminente ordinanza per emergenza Covid19, l'evento è stato immediatamente annullato. Io ero talmente euforica ma delusa al contempo di questa improvvisa ordinanza, che non mi davo pace al pensiero di non potermi esibire in pubblico, così mi sono armata di coraggio e ho improvvisato un dj set in diretta sulla mia pagina pubblica, per la prima volta in vita mia, direttamente da casa e con i pochi mezzi tecnici che avevo a disposizione, intitolando questo progetto QUARANTENA IN ROCK.. Esperimento a quan

Rock film -School of Rock (2003)

Dewey Finn, eccentrico chitarrista costantemente al verde, viene cacciato dalla sua band e si ritrova a fare il supplente in una scuola per fortunati rampolli..... Guarda il film sul nostro blog LEGALMENTE acquistandolo da Google! ù