Passa ai contenuti principali

Bishop Gunn più di un gruppo di supporto!


Nell’attesa di veder salire sul palco il mitico cilindro di Slash insieme a Miles Kennedy e ai fidati Conspirators, abbiamo avuto il piacere di ascoltare i Bishop Gunn, band emergente da tenere d’occhio.
Nell’accattivante cornice del Fabrique questi ragazzi del Mississippi hanno fatto in pieno il loro dovere, rompendo il ghiaccio col pubblico prima del main event.

La prima cosa che si può notare è il look stravagante del cantante e chitarrista Travis McCready, che si presenta con una variopinta vestaglia, occhiali da sole e berretto con visiera…non possiamo che apprezzare!
La sua voce sa essere ora più calda e avvolgente, ora più graffiante ed è ben valorizzata dal southern rock proposto dalla band, completata da Drew Smithers alla chitarra, Ben Lewis al basso e Burne Sharp alla batteria




L’influenza di leggende come i Lynyrd Skynyrd e i Black Crowes è ben evidente, ma i quattro del Mississippi ci mettono del loro e non sono solo una copia delle band storiche del genere.

La scaletta prevede solo sei brani: si parte con il groove di Let the People Know e dall’armonica di Bank of the River per scaldare gli animi.
Dopo il riff insistito di Silver Street torna l’armonica in Southern Discomfort, se per caso non avessimo ancora capito da dove arrivano questi ragazzi.
Una chitarra acustica introduce la ballata Makin’ it.



La conclusione è affidata alla coinvolgente Anything You Want, corredata da chitarra slide.
Dopo circa mezz’ora purtroppo l’ esibizione termina e i Bishop si prendono i meritati applausi.
Un gruppo sicuramente non innovativo, ma che propone un blues-rock sanguigno e senza fronzoli, che si comporta davvero bene in sede live e che apporta a nostro parere nuova linfa alla tradizione.

All’attivo hanno il solo album d’esordio Natchez (nome della città natale della band) del 2018, registrato nei leggendari Muscle Shoals Sound Studios, che hanno ospitato anche Rolling Stones e Lynyrd Skynyrd.
Speriamo che I Bisohp Gunn tornino presto in Italia e siamo curiosi di vedere quale sarà la direzione che seguiranno nei prossimi lavori.
Per concludere la chicca finale: a fine serata ritroviamo il frontman dai chioschi all’esterno del locale a condividere panino con la salamella, birra e selfie coi fans. 
Tutto molto Rock ‘n’ Roll!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Intervista a Ell'n' Rock

Ciao Elena, abbiamo visto come altre migliaia di persone le tue dirette Dj set su Facebook e vorremmo porti alcune domande.




Com'è nata l'idea di portare il Rock nelle case degli italiani con un Dj set live direttamente da casa tua?

Questo esperimento è nato quasi per caso : domenica 15 marzo doveva essere il mio primo esordio in pubblico come dj, avrei dovuto esibirmi al più importante motoraduno del Friuli assieme ad un altro collega, dj Pippo City rocker, ma causa imminente ordinanza per emergenza Covid19, l'evento è stato immediatamente annullato. Io ero talmente euforica ma delusa al contempo di questa improvvisa ordinanza, che non mi davo pace al pensiero di non potermi esibire in pubblico, così mi sono armata di coraggio e ho improvvisato un dj set in diretta sulla mia pagina pubblica, per la prima volta in vita mia, direttamente da casa e con i pochi mezzi tecnici che avevo a disposizione, intitolando questo progetto QUARANTENA IN ROCK.. Esperimento a quanto pare, inc…

Rock film -School of Rock (2003)

Dewey Finn, eccentrico chitarrista costantemente al verde, viene cacciato dalla sua band e si ritrova a fare il supplente in una scuola per fortunati rampolli.....
Guarda il film sul nostro blog LEGALMENTE acquistandolo da Google!
ù