Passa ai contenuti principali

Bishop Gunn più di un gruppo di supporto!


Nell’attesa di veder salire sul palco il mitico cilindro di Slash insieme a Miles Kennedy e ai fidati Conspirators, abbiamo avuto il piacere di ascoltare i Bishop Gunn, band emergente da tenere d’occhio.
Nell’accattivante cornice del Fabrique questi ragazzi del Mississippi hanno fatto in pieno il loro dovere, rompendo il ghiaccio col pubblico prima del main event.

La prima cosa che si può notare è il look stravagante del cantante e chitarrista Travis McCready, che si presenta con una variopinta vestaglia, occhiali da sole e berretto con visiera…non possiamo che apprezzare!
La sua voce sa essere ora più calda e avvolgente, ora più graffiante ed è ben valorizzata dal southern rock proposto dalla band, completata da Drew Smithers alla chitarra, Ben Lewis al basso e Burne Sharp alla batteria




L’influenza di leggende come i Lynyrd Skynyrd e i Black Crowes è ben evidente, ma i quattro del Mississippi ci mettono del loro e non sono solo una copia delle band storiche del genere.

La scaletta prevede solo sei brani: si parte con il groove di Let the People Know e dall’armonica di Bank of the River per scaldare gli animi.
Dopo il riff insistito di Silver Street torna l’armonica in Southern Discomfort, se per caso non avessimo ancora capito da dove arrivano questi ragazzi.
Una chitarra acustica introduce la ballata Makin’ it.



La conclusione è affidata alla coinvolgente Anything You Want, corredata da chitarra slide.
Dopo circa mezz’ora purtroppo l’ esibizione termina e i Bishop si prendono i meritati applausi.
Un gruppo sicuramente non innovativo, ma che propone un blues-rock sanguigno e senza fronzoli, che si comporta davvero bene in sede live e che apporta a nostro parere nuova linfa alla tradizione.

All’attivo hanno il solo album d’esordio Natchez (nome della città natale della band) del 2018, registrato nei leggendari Muscle Shoals Sound Studios, che hanno ospitato anche Rolling Stones e Lynyrd Skynyrd.
Speriamo che I Bisohp Gunn tornino presto in Italia e siamo curiosi di vedere quale sarà la direzione che seguiranno nei prossimi lavori.
Per concludere la chicca finale: a fine serata ritroviamo il frontman dai chioschi all’esterno del locale a condividere panino con la salamella, birra e selfie coi fans. 
Tutto molto Rock ‘n’ Roll!

Commenti

Post popolari in questo blog

Lez Rock L.A.C.K.S. by @fabioaxlsilv

Cari amici rockers è per me un immenso piacere darvi il benvenuto a L.A.C.K.S., un piccolo salotto un po' burlesque, con qualche soprammobile kitsch, dove ci si può sempre sedere su una comoda poltrona, accendere un giradischi e iniziare un viaggio con il gracchiare di un vinile. Un soggiorno in cui aleggia nell’aria un mantra “Là dove c'è buona musica troverai persone vere”.  Chi ha visto le anteprime pubblicate finora dalla redazione di LEZ Rock può essersi fatto un'idea. Beh, è finalmente arrivato il momento in cui posso svelarvi ogni segreto, ogni arcano mistero dietro a questo acronimo e voglio cominciare dal suo significato letterale.  Lacks è una parola inglese che significa "vuoto, lacuna, mancanza". Chi non le ha mai avute, sentite sulla propria pelle, nelle proprie viscere del proprio ego nella vita?! Tutti, è inutile far finta. Ognuno di noi sicuramente ha provato un senso di inadeguatezza davanti a qualcuno o qualcosa in una data situazione durante la

Intervista allo storico club underground di Genova, il Quaalude!

Abbiamo intervistato i gestori del locale storico Genovese, il QUAALUDE, sito in Piazza Sarzano e  punto di ritrovo per tutti i rockers della città; in questo momento sta soffrendo gli effetti della pandemia, come tutto il settore live. Ecco cosa ne pensano di tutto ciò: La nostra prima domanda sarebbe "come va?", ma conosciamo la situazione e allora vi chiediamo, quanto vi manca potere lavorare e il contatto con i vostri rockers di Genova?  Non hai idea di quanto soffriamo! Mi capirai se ti dico che il Club per noi è un vero momento di incontro con i nostri fratelli di musica, i Quaaluders, che da anni frequentano il circolo. Pensare a tutti i gruppi che ci contattano per una serata, il non poter nemmeno ipotizzare una data di riapertura.. E' veramente dura. Mentre stavamo provando una soluzione alternativa per riaprire e fare le nostre serate musicali è arrivato il nuovo (o meglio vecchio, vista la velocità con cui li scrivono...) DPCM, ultima mazzata per la quasi rovi

Rock film -School of Rock (2003)

Dewey Finn, eccentrico chitarrista costantemente al verde, viene cacciato dalla sua band e si ritrova a fare il supplente in una scuola per fortunati rampolli..... Guarda il film sul nostro blog LEGALMENTE acquistandolo da Google! ù