Passa ai contenuti principali

It's only Rock 'n roll By Paolo Maiorino: Woodstock!


5 Giugno 2016, sono passati ormai quasi 4 anni! In quella data ho coronato un sogno. 

Nella mia esperienza mi sono appassionato ad alcune cose che inevitabilmente hanno finito per caratterizzare la mia esistenza. Il muro di Berlino ad esempio o le tradizioni celtiche . Nella musica ho sviluppato alcune “fisse” come quella per la tre giorni di Woodstock, estate 1969.

Avevo 2 anni all’epoca, ma i tanti libri letti e tutte le informazioni che ho potuto carpire negli anni, mi hanno fornito un quadro d’insieme interessante e ricordo che già una decina d’anni fa tenni una lecture a Brescia per raccontare questo storico evento. E un’estate andai ospite al Nistoc, un festival campeggio che si teneva a Nistisino, sul lago di Iseo ad inaugurare la serata iniziale con il mio racconto e le immagini del dvd. 

Insomma quando 4 anni fa i miei amici newyorkesi mi proposero di andare a visitare Woodstock, mi venne un groppo in gola! La distesa è rimasta incontaminata e negli anni ci continuano ad organizzare festival e fiere. 



La settimana dopo quella in cui andai io, ci sarebbe stato un festival di arpe celtiche . Appena arrivi c’è questo masso dipinto coi nomi di chi prese parte a quell’indimenticabile evento. Ti fanno fare il giro completo e ti spiegano tutto nei minimi dettagli. Chi ? Volontari che assistettero allo show del 69! Li c’era il palco, qui i camerini improvvisati , da quella parte atterravano gli elicotteri con gli Artisti e li c’era l’infermeria. Insomma roba da non crederci . Ero lì! Calpestavo quel prato! Poi c’è una sorta di museo con al suo interno ogni sorta di reliquia e memorabilia . La giacca di Hendrix, la fascia dei capelli di Santana , il foulard di Joan Baez. Ma non solo, anche una sequenza infinita di istallazioni con piccoli video che spiegano l’organizzazione di una cosa di quella portata . 







All’interno sempre i volontari reduci che ti raccontano la loro esperienza e il tipo con cui parlai io doveva essersi fatto troppi acidi perché mi disse che non riusciva a trovare sul prato l’esatto punto dove fosse accampato . E che alla fine c’era riuscito perché in quel punto poggiandoci il piede sopra aveva sentito la scossa!  Però davvero ne varrebbe la pena ! Andare dico e visitare la location. 


Al bookstore mi sono fatto prendere un po’ la mano ed ho speso una fortuna tra libri,T-shirts e memorabilia varie. Prima di entrare nel vivo del museo c’è un lungo corridoio sulle cui pareti ci sono le scalette di ogni singola esibizione con gli orari di esibizione e le recensioni originali dell’epoca. Insomma un Nirvana per me!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Ell 'n Rock : Skunk Anansie

Il 1999 per me fu un anno di grandi emozioni... Sapete, ci stavamo avvicinando al 2000 e si stava per accedere ad una nuova era.. Nell'aria c'era eccitazione, paura del futuro ed al contempo felicità....ma eravamo tutti giovani, carichi di sogni ed allietanti prospettive. 

Anche io, come molte mie coetanee, al tempo quindicenni, ero alla scoperta di me stessa.. divisa tra musica rock ascoltata attraverso le orme del papà, sommersa da vinili e registrazioni video vhs, e le discoteche "unz unz" della domenica pomeriggio dove si consumavano i primi limoni duri da pellicola cinematografica negli angoli bui dei divanetti colorati. 

Felicità, strobo,fumi ed emozioni con Gigi d'Agostino in sottofondo ed un lieve giramento di testa dato dalle prime sigarette fumate a bocca. Il proibito dell'innocenza, gli anni più belli e genuini della vita. Ecco cosa significava per me avere 15 anni. 
Nello specifico, del 1999 però, ricordo con particolare fervore, un album che dal mom…

The shakin apes @alzati lazzaro !

Terza serata di Live Music Inverno 2019 al pub Alzati Lazzaro di Gattorna (GE).
Questa volta gli ospiti della serata sono stati i The shakin apes ,gruppo sardo che snocciola rockabilly e rock anni 50 in gran quantità.

La perfomance del gruppo è stata favolosa e, vuoi l'intimià del locale, ci ha coinvolti appieno.

Il loro frontman e cantante Pierpaolo Sanna ha acquisito tutti i rudimenti necessari per assomigliare ai cantanti che andavano di moda negli anni 50-60, alterna tonalità acute a meravigliosi bassi, come nella cover di Be-bop-a-lula dell' eterno Gene Vincent.


Ma la band ha presentato anche il loro ultimo ep e con canzoni come Enjoy The Show e Under Your Sky ha dimostrato appieno tutte le loro abilità strumentali, fantastico l'entusiasmo che si legge negli occhi e nelle bacchette del  batterista Antonio Cocco che oltre a avere delle abilità formidabili si diverte davvero a farci fare, con gli altri compagni, un balzo agli anni d'oro del rockabilly.



Le canzoni si sus…