Passa ai contenuti principali

Its only rock'n roll by Paolo Maiorino: Megadeth

1994 sono nel mio ultimo anno in EMI, in procinto di passare alla Sony. Esce Youthanasia dei Megadeth. Ho sempre avuto uno strano rapporto con la loro musica . Mai stato un fan della prima ora. Ma considero So Far uno dei più bei dischi thrash di sempre.


Da giornalista per Metal Shock avevo intervistato Mustaine due volte e Dave Ellefson una. I miei colleghi mi informano che Mustaine è Nick Menza, il batterista, sono previsti due giorni in promozione a Roma. Organizzo il solito piano promo ben assortito e mi preparo all’impatto. E si perché Dave ha una pessima fama che lo precede. Ostico. Molto ostico. 

Così ci vado prudente e non rivelando i miei trascorsi giornalistici e metal. Per lui sono l’ennesimo discografico di una lunga serie. Vorrei poter dire di essere smentito dai fatti e che Mustaine is such a lovely individual . E invece purtroppo no. Due giorni da incubo. Problemi su quasi tutto. Il cibo, la tempistica, le interviste. Mi chiede se chi lo intervisterà ha ascoltato l’album ,lo conforto in tal senso , ma l’espressione del viso mi dice che ha deciso di complicarmi la giornata e mi attesto in difesa: una parola è poca, due sono troppe . 


Avrei tanto voglia di dirgli che da quando Kirk Hammett è entrato nei Metallica al suo posto è tutta un’altra band, ma resisto. Alla fine fa breccia nelle mie difese: mi chiede il motivo per cui ci sono così pochi fans fuori dall’albergo. Gli rispondo che abbiamo tenuto segreto tutto apposta e mi fa il culo perché i fans dei Megadeth hanno il diritto di vedere i loro beniamini. Incasso senza replicare . Pur sapendo che due giorni prima ad Amsterdam si è lamentato dei troppi fans fuori dall’hotel cazziando la mia collega che avrebbe dovuto tenere nascosta l’informazione..... Tengo duro, sorrido e cerco di essere cordiale mentre gli sento sibilare un fuck face che meriterebbe ben altra risposta . 
Fino a quando un buontempone mio ex collega giornalista che lo ha appena intervistato gli rivela che sono stato a mia volta un giornalista metal. Così alla pausa mi chiede di seguirlo e ci sediamo nel salotto dell’hotel. Occhi negli occhi. Mi chiede cosa penso di Youthanasia e se lo considero il loro disco più bello. C’è un limite a tutto. Ho sempre detto e scritto quello che pensavo e non avrei smesso li. Così gli dico quello che penso. Parliamo mezz’ora . 


Arriva il momento di riprendere le interviste, ma lui senza staccarmi gli occhi di dosso mi dice aspetteranno . Alla fine si alza e mi dice che non è d’accordo con me e che dovrei riascoltare quel disco per capirlo meglio. Ore dopo in aeroporto mi stringe la mano. Non sorride un cazzo, ma mi guarda e dice good job. E mentre si gira sento ancora quel simpatico fuck face fendere l’aria . Fin qui tutto più o meno bene . L’incubo è passato . Due giorni dopo mi squilla il telefono. È la mia collega da Londra che dice che Mustaine ha riferito di aver fatto un tour promo di merda, con discografici idioti e giornalisti incompetenti , ma che in Italia ha ascoltato la descrizione più lucida e convincente del loro disco So Far So Good So What. E la tipa voleva sapere da me con chi avesse parlato . Con una fuck face. Gli risposi. 

Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Ell 'n Rock : Skunk Anansie

Il 1999 per me fu un anno di grandi emozioni... Sapete, ci stavamo avvicinando al 2000 e si stava per accedere ad una nuova era.. Nell'aria c'era eccitazione, paura del futuro ed al contempo felicità....ma eravamo tutti giovani, carichi di sogni ed allietanti prospettive. 

Anche io, come molte mie coetanee, al tempo quindicenni, ero alla scoperta di me stessa.. divisa tra musica rock ascoltata attraverso le orme del papà, sommersa da vinili e registrazioni video vhs, e le discoteche "unz unz" della domenica pomeriggio dove si consumavano i primi limoni duri da pellicola cinematografica negli angoli bui dei divanetti colorati. 

Felicità, strobo,fumi ed emozioni con Gigi d'Agostino in sottofondo ed un lieve giramento di testa dato dalle prime sigarette fumate a bocca. Il proibito dell'innocenza, gli anni più belli e genuini della vita. Ecco cosa significava per me avere 15 anni. 
Nello specifico, del 1999 però, ricordo con particolare fervore, un album che dal mom…

The shakin apes @alzati lazzaro !

Terza serata di Live Music Inverno 2019 al pub Alzati Lazzaro di Gattorna (GE).
Questa volta gli ospiti della serata sono stati i The shakin apes ,gruppo sardo che snocciola rockabilly e rock anni 50 in gran quantità.

La perfomance del gruppo è stata favolosa e, vuoi l'intimià del locale, ci ha coinvolti appieno.

Il loro frontman e cantante Pierpaolo Sanna ha acquisito tutti i rudimenti necessari per assomigliare ai cantanti che andavano di moda negli anni 50-60, alterna tonalità acute a meravigliosi bassi, come nella cover di Be-bop-a-lula dell' eterno Gene Vincent.


Ma la band ha presentato anche il loro ultimo ep e con canzoni come Enjoy The Show e Under Your Sky ha dimostrato appieno tutte le loro abilità strumentali, fantastico l'entusiasmo che si legge negli occhi e nelle bacchette del  batterista Antonio Cocco che oltre a avere delle abilità formidabili si diverte davvero a farci fare, con gli altri compagni, un balzo agli anni d'oro del rockabilly.



Le canzoni si sus…