Passa ai contenuti principali

It's only rock 'n roll By Paolo Maoirino : Rage Against The Machine

Il 10 Agosto 1997 è un’altra data per me memorabile. Uno di quegli eventi di cui raccontare ogni singolo istante. Avrei tanto voluto partecipare alla tre giorni di Woodstock, ma avevo due anni e sono giustificato .

Quando circolo’ la notizia di un tour dei Rage Against The Machine insieme ai Wu Tang Clan, pensai che semplicemente non potevo perdermeli, per le motivazioni socio politiche di quel tour, per l’incommensurabile valore artistico dell’incontro di due culture così diverse tra loro, ma entrambi allineate contro il sistema. E poi perché era una realtà tutta americana e solo li avrei potuto viverla. Ero tornato in Italia alla fine del 1990 e proprio quell’estate mi stavo per trasferire da Roma a Milano. Ma il cordone ombelicale con gli States era ancora troppo forte.




Ricordo che dissi al mio amico Rick di prendere i biglietti per lo show del 10/8 al Lakewood Amphitheater. Quel giorno passammo in un negozio di musica e regalai a Rick la copia di Evil Empire da ascoltarci in macchina sulla strada per il concerto .
La tensione era altissima, forte rischio di incidenti tra comunità. Atlanta poi è sempre stata città con altissima concentrazione di neri. Alla venue situazione iniziale di grande, grandissima tensione . Gruppi di ragazzi di colore nella misura del 30-40% rispetto a Bianchi ed ispanici. Open air, molto caldo . Le due fazioni a distanza che si guardano, si scrutano , polizia in massa ma defilata.





Partono i Wu Tang e sottopalco è predominio black fino a quando gli stessi Wu Tang invitano i ragazzi bianchi a venire nella pit. Partono piccoli gruppi e la scena resta tranquilla ma con questo forte senso di eccitazione , come se stesse per succedere chissà cosa da un momento all’altro. Bellissimo il set dei WTC. Il mio amico Rick mi dice “grazie per avermi detto di questi concerto. Me la sto facendo addosso nei pantaloni , ma non c’è un altro posto dove vorrei essere in questo momento “.





Pausa tra i due live set. Quando partono i Rage vedo partire una massa incredibile di persone che si lanciano in una delle pit più impressionanti che abbia mai visto nella mia vita . Ed un giorno ve le racconterò. La scaletta è studiata per far salire il pathos e quando arriva “Killing in the name” sembra un girone dantesco dove non c’è più distinzione: bianchi, neri, latini. Tutti insieme . Mi volto dietro e vedo che la polizia e fuori vista . In quel momento ho compreso la forza del messaggio che la musica ha volte può scatenare . Sono stato in quella pit. E non avrei voluto che finisse mai . E me ne andai con la maglietta ufficiale che erano andate a ruba e che era rimasta solo in viola. Solo chi c’era può sapere le sensazioni che si provavano e l’energia positiva sprigionata in quel contesto . Tom Morello è mostruoso , Zakk De La Rocha un trascinatore. Qualcosa di indimenticabile.





Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Ell 'n Rock : Skunk Anansie

Il 1999 per me fu un anno di grandi emozioni... Sapete, ci stavamo avvicinando al 2000 e si stava per accedere ad una nuova era.. Nell'aria c'era eccitazione, paura del futuro ed al contempo felicità....ma eravamo tutti giovani, carichi di sogni ed allietanti prospettive. 

Anche io, come molte mie coetanee, al tempo quindicenni, ero alla scoperta di me stessa.. divisa tra musica rock ascoltata attraverso le orme del papà, sommersa da vinili e registrazioni video vhs, e le discoteche "unz unz" della domenica pomeriggio dove si consumavano i primi limoni duri da pellicola cinematografica negli angoli bui dei divanetti colorati. 

Felicità, strobo,fumi ed emozioni con Gigi d'Agostino in sottofondo ed un lieve giramento di testa dato dalle prime sigarette fumate a bocca. Il proibito dell'innocenza, gli anni più belli e genuini della vita. Ecco cosa significava per me avere 15 anni. 
Nello specifico, del 1999 però, ricordo con particolare fervore, un album che dal mom…

The shakin apes @alzati lazzaro !

Terza serata di Live Music Inverno 2019 al pub Alzati Lazzaro di Gattorna (GE).
Questa volta gli ospiti della serata sono stati i The shakin apes ,gruppo sardo che snocciola rockabilly e rock anni 50 in gran quantità.

La perfomance del gruppo è stata favolosa e, vuoi l'intimià del locale, ci ha coinvolti appieno.

Il loro frontman e cantante Pierpaolo Sanna ha acquisito tutti i rudimenti necessari per assomigliare ai cantanti che andavano di moda negli anni 50-60, alterna tonalità acute a meravigliosi bassi, come nella cover di Be-bop-a-lula dell' eterno Gene Vincent.


Ma la band ha presentato anche il loro ultimo ep e con canzoni come Enjoy The Show e Under Your Sky ha dimostrato appieno tutte le loro abilità strumentali, fantastico l'entusiasmo che si legge negli occhi e nelle bacchette del  batterista Antonio Cocco che oltre a avere delle abilità formidabili si diverte davvero a farci fare, con gli altri compagni, un balzo agli anni d'oro del rockabilly.



Le canzoni si sus…