Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2019

Il mondo cambia e la musica con lui

Il mondo cambia in tutto, e come tutto si evolve, la musica non è da meno e da un pò di anni l'avvento delle piattaforme digitali, quali Spotify, Deezer ecc.. ha messo a dura prova il mondo dei cd e vinili.
Analizziamo però i pro e i contro di questa nuova tendenza.
Primo. La qualità della musica. Non c'è che dire ora si ha un suono molto migliore degli anni '60 e con Spotify si può, ad esempio, avere media o altissima qualità, cosa che è un pò strana da dire a un ascoltatore datato abituato a mettere giù la puntina e dare il via al suo vinile, per lui la qualità è una e una soltanto, la sua. Ecco qui ci permettiamo di dissentire, è pur vero che il vinile ha in se un suono unico e irripetibile su altre piattaforme, ,ma non per questo è meglio di un suono pulito e arrangiato per gli speaker che circolano ora.
Secondo. La qualità della musica (il ritorno) Se con le varie piattaforme abbiamo guadagnato più di qualcosa di buono in qualità di suono non si può dire lo stesso per la qu…

Wave of rock by nico.free.life: Ac/dc YOU SHOOK ME ALL NIGHT LONG

Salve lettori di WAVE OF ROCK...questa mattina si parlerà di una delle Rock band che ha segnato di gran lunga la storia del Rock mondiale con 40 anni di successi...fatti di assoli, spettacoli e riconoscimenti... ladies and gentlemen.... ecco a voi gli intramontabili  AC/DC.
Il brano che ho scelto,che adoro e di cui parleremo stamattina è YOU SHOOK ME ALL NIGHT LONG e fa parte dell'Album Back in back che esce nel 1980 con 50.000 dischi venduti,secondo Album e con 200 milioni di dischi venduti in 40 anni della loro musica.Questo brano si è posizionato al 35 posto nella classifica TOP 100 AMERICANA E AL 38 IN QUELLA BRITANNICA.

E' una delle mie preferite ed una delle canzoni di maggior successo pubblicata dal gruppo.In questo brano ci sono molti riferimenti sessuali,che poi noteremo nei vari video musicali e tali da essere criticati e censurati in una buona parte di essi, donne vestite in cuoio e cerniere posizionate all'altezza del linguine.Back in black venne pubblicato 5 mes…

MERRY XMAS !

It's only rock 'n roll By Paolo Maiorino : Ac/Dc !

La band che in assoluto è stata fondamentale sotto diversi punti di vista nella mia vita è sicuramente riconducibile agli Ac/Dc. Un mio amico mi fece conoscere la band alla fine degli anni 70 e parliamo dei tempi del primo vocalist Bon Scott. I miei primi dischi furono Let There Be Rock, Powerage ed il live If You want blood. Quello fu il mio svezzamento! 



Poi rimasi sconvolto come tutti per l’improvvisa scomparsa di Bon e sorpreso dalla velocità di reazione della band, che nel giro di pochi mesi, con l’innesto di Brian Johnson entro’ in studio e pubblico’ il monumentale Back in Black



Nel frattempo avevo recuperato tutti i loro dischi precedenti, letto libri, visto il docufilm e votato la mia passione più grande per questa incredibile band australiana. Gli anni 80 ci portarono For Those About To Rock prima e Flick of the switch poi. 
E fu nel 1984, qualche mese dopo la pubblicazione di Flick, che andai allo stadio del baseball di Nettuno a vederli in concerto con i giovani Motley Crue

Wave Of Rock by @nico.free.life : Led Zeppelin D'yer Mak'er

Per il nostro secondo appuntamento parlerò di un altro brano che mi ha colpito molto per il suo sound ....d'yer mak'er..."Jamaica" che fa parte dell'album "houses of the holy" 28 marzo 1973 n.1 in gran Bretagna n.1 in USA ed 11 dischi di platino.Un altro pezzo nato quasi per gioco durante le prove a Stargroves.



In questo brano troviamo note di reggae che in quel periodo stava emergendo in Inghilterra.Diciamo che è stato scritto per puro divertimento... una Presa in giro con un titolo che farebbe intendere tutt'altra cosa.... (Allusioni sessuali)...mentre è semplicemente la storia di una lei che minaccia di andarsene e un lui che la supplica di non lasciarlo....esternandole... forse un po' in ritardo... tutto il suo amore.


Sir Plant fu l'unico ad essere entusiasta di questa canzone contro la disapprovazione del resto della band....Ad ascoltarla è molto ritmica....gli oh.oh.oh....intendono una triste e disperata richiesta di non essere abbando…

Lez rock radio 3^ puntata, speciale Alzati Lazzaro

Live selection - Metallica in Lollapalooza 2017

Itsonlyrocknroll by Paolo Maiorino : Rush

Gli anni dal 1986 al 1992 sono stati per me fantastici. Come ho già detto, da Indianapolis prima e da Atlanta in seguito, le mie richieste di intervistare gli artisti in tour vennero progressivamente accettate da major e management e mi ritrovai ad incontrare band x me enormi, alla media di 2-3 a settimana .

Il 2 Marzo del 1988 i Rush suonavano al Market Square Arena di Indy. Hold Your Fire Tour, seconda parte. Chiesi di poter intervistare singolarmente Geddy Lee, Alex Lifeson e Neil Peart, adducendo motivi tecnici. 
Oltre agli argomenti generali avrei affrontato questioni legate ai vari strumenti . Pensai che mi avrebbero riso dietro e quando mi chiamarono per dirmi che avrei avuto un’ora con ciascuno, dovetti ascoltare una decina di volte il messaggio in segreteria per convincermi che non fosse uno scherzo. Ed una volta arrivato sul posto, nel primo pomeriggio mi presentarono Geddy, il quale si scusò con me (!!!) perché erano in procinto di fare un lungo soundcheck ed avrei dovuto att…

Lez Rock Focus : Johnny Cash , Hurt

Una voce graffiante e da brividi, un timbro uscito da un tempo dimenticato. Johnny Cash, Man in Black, fa sempre centro.
Il suo e' un percorso trasversale che abbraccia differenti epoche, emozioni e sonorita'.
Ascolto la sua interpretazione di 'Hurt' dei Nine Inch Nails di Trent Reznor, sembrano le parole di un uomo che e' passato dentro l'inferno e cerchi solo la liberazione finale..
"Mi sono concentrato sul dolore, la sola cosa che sento"...



La struttura ritmica lenta e minimale lasciano a Johnny il giusto spazio per raccontare e ripercorrere una vita intera. La potenza di certe parole e' tale quasi da smuovere la Terra, nel guardarsi dentro tutte le esperienze si vivono nuovamente. Conosciamo l'amore, l'odio ed ogni tipo di sfumatura.. Il peso di Johnny e' qui' una valigia che si chiama rimpianto. Una vita non semplice quella di Johnny. 



Lontano da qualsiasi giudizio morale o di critica, questa canzone tocca  in profondita' e le …

Live Selection : Led Zeppelin live 1970

The Bustermoon @ Alzati Lazzaro

Venerdì 6 Dicembre all'Alzati Lazzaro di Gattorna abbiamo avuto l'occasione di ascoltare dal vivo i  The Bustermoon.

Il quartetto è salito sul palco prima di Dr. Feelgood (mitica voce di Virgin Radio) and The Black Billies. I Bustermoon, anche se è sempre difficile catalogare la musica, propongono un mix di blues, folk, country  e rock 'n' roll che si fondono in quello che loro stessi definiscono folk 'n' roll.
Le loro canzoni arrivano immediatamente all'ascoltatore, come il ritornello di Cherry Tree che entra subito in testa,  ma non risultano mai banali o scontate.


Le atmosfere sono spesso solari, con l'eccezione di Big Blue, venata da una nota di malinconia. Interessante anche la cover dei Depeche Mode Just can't get enough rivisitata in chiave folk 'n' roll ovviamente.
La sensazione da fuori è quella di un gruppo di amici prima che musicisti, che si divertono sul palco contagiando anche il pubblico. I Bustermoon hanno pubblicato nel 2018 il lo…

Wave Of Rock by Nico.free.life : Led Zeppelin, All Of My Love

All my love....questo brano è stato scritto da Plant e Jones dopo la scomparsa di Karac... figlio di Plant... é una canzone d'amore e molto emotiva.... Robert qui esprime tutto se stesso.
Anno 1978 non proprio il genere scritto di solito dai Led Zeppelin....ma mano mano che il tempo passava questa canzone divenne uno dei brani meglio accolti all'interno dei loro tour.


All my love fa' parte dell'album In the through the out door 20 Agosto 1979 n 1 in gran Bretagna e in USA ricevendo ben 6 dischi di platino.
Alla maggior parte della band questa canzone non entusiasmava.... avrebbero voluto un ritmo più rock come lo erano d'altronde tutti i loro brani.


Quando Karac si ammalò Plant era in tour...fu chiamato per rientrare...in questo brano lui ha espresso tutto il bene per il piccolo e la sua assenza in quei momenti... ed è riuscito a racchiuderle in questo testo che poi col tempo si è rivelato essere una delle canzoni più amate ed usata dalla rock band nei loro concerti…

Maguras dagli anni '70 ad oggi!

Il rock n' roll non muore mai ,e vale lo stesso per i Maguras misteriosa band annegata nell' Underground più insondabile, ma in giro pare dai primi anni ' 70 tra vari cambi di formazione e vicissitudini a dir poco tarantiniane, possiamo supporre che dei  fondatori originali ormai resti solo la polvere ,ma pare comunque che qualche appassionato abbia provato a rimettere insieme la loro storia! Precursori di molti generi tra cui l' hard rock più spinto e lo Stoner più fangoso ,votati al DIY (do It yourself) ,rompono il loro credo di "only live" e niente registrazioni: ovvero ci raggiungeranno qua' in Liguria per due date una al Lucrezia sabato 14 Dicembre; con il supporto di Blue Lies e Greenphetamine, l' altra all' Arci Camalli di Imperia Domenica 15 Dicembre dove si terrà un concerto con annessa registrazione in presa diretta, unica formula accettata dalla band!




LEZ Rock Xmas🎄 🎁 WhatsApp Stickers

It's only rock 'n roll by Paolo Maiorino : Blackie Lawless

Fa un certo effetto trovarsi a conoscere qualcuno di cui sei stato fan. E le circostanze che mi portarono a contatto con Blackie Lawless degli Wasp meritano di essere raccontate.



Quando uscì il loro primo album ero un ragazzino e “I wanna be somebody” incarnava lo spirito ribelle di ogni headbanger di quel tempo. Ricordo poi The Last Command ed Electric Circus, che ascoltai allo sfinimento. Me lo ricordo come fosse ieri, al primo anno di college negli States fare una cernita delle cassette da portarmi in giro col Walkman e regolarmente prevedere gli Wasp.


Poi quando uscì The Headless Children ero ad Atlanta, all'ultimo nano di università e ricordo che la prima traccia del cd mi saltava e mi faceva incazzare.

Da giornalista ovviamente avevo intervistato Blackie almeno due, tre volte ma sempre al telefono.
E ricordo un’altra cosa..... questa rubrica si intitola It’s Only Rock’n’roll perché era il mio negozio di dischi preferito al mondo. Era ubicato a NY e purtroppo ora ha chiuso e vend…

Lez Rock Radio 2^ Puntata

Dr. Feelgod and the Black Billies @ alzati lazzaro

Quinta ed ultima serata al mitico pub di Gattorna (Ge), per quanto concerne la stagione inverno 2019, e non si poteva chiudere meglio di così.
Dr. Feelgood, voce di spicco della mattina su Virgin Radio, si è rivelato essere molto più di uno speaker radiofonico.
Dall'innata capacità di intrattenitore lui con il suo fantastico gruppo The Black Billies, tutti di nero vestiti, ha permesso ai  presenti di fare un viaggio nell'era pioneristica del rock'n roll. Le loro cover partono addirittura da canzoni degli anni '20 e '30, che suonano come contemporanee anche ai giorni nostri. 
Il suo tastierista si esibisce come il migliore dei Ray Charles : occhiali neri sul volto e quella espressione a bocca aperta che fa percepire come sia dentro alle canzoni e le viva con estrema passione; il batterista tiene il tempo in maniera ineccepibile e basso e chitarra elettrica si fondono in un unico sound perfetto.


Feelgood è un jukebox umano e sforna canzoni una dietro l'altra arrivando…

Ell'n Rock : John Fogerty

Ricordo ancora quando, seduta in macchina, strizzavo i calzetti pieni zeppi di acqua, dato che mi si era rotto l'unico ombrello che possedevo... E tra tristezza ed eccitazione, cercavo di realizzare a quale concerto avevo appena assistito...o meglio a quale concerto avevo tentato di assistere.

Visto che a metà concerto, un diluvio universale spazzó via tutta la felicità che avevamo in corpo .. Correva l'anno 2014..la serata del 9 luglio 2014 per l'esattezza.. ed il mitico John Fogerty si esibiva nella splendida cornice di Piazza Unità a Trieste... Cioè ragazzi mica uno qualunque.. niente meno che il mitico cantante dei Creedence Clearwater Revival !!! 



Leggenda vivente di Woodstock... Hey, hey... Camicia a quadri, country  rock - blues style .. E via di magia!

 Eh si... Eccolo qui il primo concerto assieme al mio mitico papà Arnaldo ... E chi se lo dimentica! Emozioni indescrivibili... Considerate che i Creedence sono uno dei primi gruppi rock con cui sono cresciuta sin dall&…

It's only rock 'n roll By Paolo Maiorino : Zakk e Ozzy

14 Dicembre 1988, una data che non dimenticherò mai. Ero nel pieno del mio soggiorno americano che si protrasse dall’estate del 1986 al Natale del 1990. Frequentavo un master in giornalismo all’Indiana University a Bloomington, a circa un’ora di macchina da Indianapolis, capitale dello Stato.
E andava a tutti i concerti ed intervistavo chiunque, come inviato di Metal Shock, Flash, Chitarre ed altri magazines.



Ozzy venne a presentare No Rest For The Wicked, il primo album col suo nuovo axe hero: Zakk Wylde. Opening act gli Anthrax, freschi di State of Euphoria. Ho sempre pensato che il fatto di essere in Indiana fosse un incredibile vantaggio. A New York, Boston, Miami o Los Angeles non sarei mai riuscito a fare tutto quello che ho fatto. Ma Indianapolis era un centro nel Midwest e che un italiano continuasse a chiedere di intervistare chiunque da lì, deve essere suonato curioso e pittoresco e non ho mai avuto problemi! Dunque eccomi al Market Square Arena, casa degli Indiana Pacers per …