Passa ai contenuti principali

Rock interview alle Burning Witches


Il loro ultimo album Hexenhammer ha i connotati per diventare un grande successo internazionale, e noi non ci siamo fatti scappare l'occasione per intervistarle.

Ciao ragazze diteci qualcosa sul vostro ultimo album, noi crediamo sia fantastico e meriti di essere ascoltato anche qui in Italia!

Ciao Lez Rock sono Lala e parlo a nome delle Witches.

Il nostro ultimo album Hexenhammer è di sicuro un grande album che ogni fan heavy-metal dovrebbe avere. Ha tutti gli elementi che ne fanno un classico dell' heavy, velocità, potenza, armoniosi riff e voci minacciose. Sembra di sentirsi negli anni 80. 
Chi ha ascoltato il nostro primo album "Burning Witches" può notare quanto la band si sia evoluta sia musicalmente che come gruppo. I nostri fan italiani non si pentiranno di averlo, è troppo avvincente , ahaha.




Qual'è la vostra opinione sul Rock 'n roll, credete sia ancora vivo?

Il rock 'n roll è ancora vivo perchè è il genere che con i suoi fondamenti ha contribuito a creare i generi di oggi. Ci stiamo evolvendo in qualcosa di diverso ma se non ci fosse il rock 'n roll ,credo, che la musica oggi sarebbe completamente diversa. Tutto è nato da lì come sottogeneri.

Il nostro blog ,qui in Italia, cerca di rendere il rock n roll la musica più ascoltata, avete un'opinione o un consiglio?


Fintanto che la scena lo supporterà e avrà una buona esposizione, penso che sarà grandioso. Dobbiamo solo mostrare alla nostra nuova generazione le nostre radici e non devono dimenticarsene anche se ci sono molti tipi diversi di musica che il mondo ha da offrire al giorno d'oggi. Anche la potenza di Internet e dei social media aiuta molto in questa era moderna. Possiamo avere tutte le informazioni che vogliamo o che abbiamo bisogno di sapere per alimentare le nostre conoscenze.

Quali sono i momenti migliori dei vostro concerti?

Il nostro momento migliore, durante i nostri spettacoli dal vivo, è quando vediamo i volti sorridenti della folla mentre suoniamo. Questo ci rende felici e ci fa dare il massimo come band mentre siamo sul palco. L'adrenalina ci stimola. Non importa quanto siamo stanche, alla fine della giornata, ne vale la pena perché la gente si è goduta ogni minuto del nostro set. Ci stiamo anche assicurando di avere il tempo di incontrare e salutare i nostri fan dopo il nostro show solo per fargli capire quanto apprezziamo il loro amore e supporto, il che significa molto per noi.



Quali sono i vostri artisti preferiti o che hanno influenzato nel vostro stile?

Le principali influenze vengono da Judas Priest e Iron Maiden, ed è bello che siano ancora in attività, ci ispira molto a continuare il lavoro che stiamo facendo.
Ascoltiamo anche altri generi differenti dal Jazz, Rock, Punk, Heavy Metal, Thrash al Extreme Metal, dipende dal' umore.

Parlateci del vostro primo concerto.

Il nostro primo concerto ufficiale è datato Ottobre 2016 nel Met-bar Lenzburg in Svizzera, che era uno spettacolo tutto esaurito. È stata un'esperienza snervante poiché era la nostra prima volta sul palco. Hai la sensazione che tutti gli occhi siano puntati su di te e la paura di sbagliare, ma abbiamo notato che la gente si stava godendo lo spettacolo, il che è un buon segno, quindi continuammo ad andare avanti.

Siamo state così felici che ci furono molte persone che ci supportarono quel giorno. 
Rimarrà come un buon ricordo ed un bagaglio di esperienza per ognuna di noi.

Se vi dico Rock 'n roll voi mi rispondete?

LONG LIVE ROCK 'N ROLL!

Vi aspettiamo qui in Italia, avete qualcosa in programma?

Ci piacerebbe venirte in Italia e visitare il vostro splendido paese, siamo molto vicine a voi ma purtroppo non abbiamo ancora le date. Abbiamo sentito che il pubblico italiano è molto "pazzo", ovviamente nel senso buono  del termine!

Grazie alle Burning Witches!

Vi lasciamo all'ascolto dei loro album su Spotify.



Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Intervista a Ell'n' Rock

Ciao Elena, abbiamo visto come altre migliaia di persone le tue dirette Dj set su Facebook e vorremmo porti alcune domande.




Com'è nata l'idea di portare il Rock nelle case degli italiani con un Dj set live direttamente da casa tua?

Questo esperimento è nato quasi per caso : domenica 15 marzo doveva essere il mio primo esordio in pubblico come dj, avrei dovuto esibirmi al più importante motoraduno del Friuli assieme ad un altro collega, dj Pippo City rocker, ma causa imminente ordinanza per emergenza Covid19, l'evento è stato immediatamente annullato. Io ero talmente euforica ma delusa al contempo di questa improvvisa ordinanza, che non mi davo pace al pensiero di non potermi esibire in pubblico, così mi sono armata di coraggio e ho improvvisato un dj set in diretta sulla mia pagina pubblica, per la prima volta in vita mia, direttamente da casa e con i pochi mezzi tecnici che avevo a disposizione, intitolando questo progetto QUARANTENA IN ROCK.. Esperimento a quanto pare, inc…

Ell 'n Rock : Skunk Anansie

Il 1999 per me fu un anno di grandi emozioni... Sapete, ci stavamo avvicinando al 2000 e si stava per accedere ad una nuova era.. Nell'aria c'era eccitazione, paura del futuro ed al contempo felicità....ma eravamo tutti giovani, carichi di sogni ed allietanti prospettive. 

Anche io, come molte mie coetanee, al tempo quindicenni, ero alla scoperta di me stessa.. divisa tra musica rock ascoltata attraverso le orme del papà, sommersa da vinili e registrazioni video vhs, e le discoteche "unz unz" della domenica pomeriggio dove si consumavano i primi limoni duri da pellicola cinematografica negli angoli bui dei divanetti colorati. 

Felicità, strobo,fumi ed emozioni con Gigi d'Agostino in sottofondo ed un lieve giramento di testa dato dalle prime sigarette fumate a bocca. Il proibito dell'innocenza, gli anni più belli e genuini della vita. Ecco cosa significava per me avere 15 anni. 
Nello specifico, del 1999 però, ricordo con particolare fervore, un album che dal mom…