Passa ai contenuti principali

Metallica a Milano



Finalmente ci siamo! L’attesa unica data italiana dei del Worldwired Tour dei Metallica è arrivata e noi siamo pronti a godercela.
Mentre ci addentriamo nell’ippodromo di San Siro i Bokassa, provenienti dalla Norvegia e dei quali Lars Ulrich è grande fan, stanno aprendo le danze.
Una ninna nanna spettrale introduce i Ghost, band mascherata come in un film horror, che ormai ha un certo seguito e che propone un sound gotico reso vario dall’uso insistente delle tastiere.



Fin da subito si capisce che la qualità dell’impianto audio non è delle migliori, forse anche a causa del vento che tira, e il volume non sembra adeguato ad un concerto metal di tale portata.
Sopra le nostre teste c’è un cielo minaccioso quando sui maxi-schermi partono le immagini de “Il buono, il brutto, il cattivo” di Sergio Leone sulle note de “L’estasi dell’oro” di Ennio Morricone.
Ecco che parte il  ritmo martellante di “Hardwired”, tratta dall’ultimo album: ci siamo!
I Four Horsemen compaiono sul palco accolti dal boato del pubblico e vanno subito ai mille all’ora: Hardwired è una scarica di adrenalina.
Dopo “The Memory Remains” arriva il primo classico “Ride The Lightning” dal secondo album della band, sul quale Kirk Hammet sfodera un assolo da brividi dimostrandosi un solista fenomenale.
La prima parte della scaletta si divide equamente tra brani tratti dal Black Album e dall’ultimo lavoro della band.
James Hetfield è sempre una macchina a livello ritmico, la voce inevitabilmente non è più ruggente come un tempo e sugli acuti si nota un po’ di fatica, compensata però dal mestiere del frontman.
Rumori di spari ed immagini belliche introducono “One”, uno dei pezzi più noti dei Metallica: qui però qualcosa sembra andare storto e i quattro non girano a dovere.
La pioggia intanto ha iniziato a scendere prima leggera e poi più insistente: il campo dell’ippodromo diventa presto un pantano che però non impedisce al pubblico di continuare a saltare e cantare.
Master! Un ruggito rimbomba nell’aria: il riff di “Master of Puppets” apre uno dei pezzi che hanno fatto la storia del metal. Qui i Metallica funzionano alla grande ed emozionano.



Di seguito “For Whom the Bell Tolls”, “Creepin Death” e “Seek & Destroy” aumentano il numero di brani storici dei Four Horsemen: è il momento più intenso della serata.
La conclusione è affidata ai classici “Nothing Else Matters” e “Enter Sandman”.
A metà serata c’è anche tempo per il momento divertimento di Robert Trujillo e Kirk Hammet che omaggiano i Litfiba con una cover di “El Diablo” cantata dal bassista: prestazione non memorabile, ma va bene così visto che i ragazzi non si prendono troppo sul serio.


Strappa una risata Kirk Hammet quando durante la serata scivola sul pedale del wah-wah e finisce gambe all’aria! Niente di grave per fortuna.



In conclusione non possiamo che essere soddisfatti di aver visto dal vivo delle leggende come i Metallica: forse in alcuni momenti non sono sembrati in perfetta forma, ma in altri ci hanno davvero emozionato.
E poi cosa si può chiedere ancora a quattro musicisti che hanno fatto la storia della musica e che pur non essendo più dei ragazzini hanno suonato per quasi tre ore sotto la pioggia senza fare una piega.
Arrivederci e a presto, Metallica!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Intervista a Ell'n' Rock

Ciao Elena, abbiamo visto come altre migliaia di persone le tue dirette Dj set su Facebook e vorremmo porti alcune domande.




Com'è nata l'idea di portare il Rock nelle case degli italiani con un Dj set live direttamente da casa tua?

Questo esperimento è nato quasi per caso : domenica 15 marzo doveva essere il mio primo esordio in pubblico come dj, avrei dovuto esibirmi al più importante motoraduno del Friuli assieme ad un altro collega, dj Pippo City rocker, ma causa imminente ordinanza per emergenza Covid19, l'evento è stato immediatamente annullato. Io ero talmente euforica ma delusa al contempo di questa improvvisa ordinanza, che non mi davo pace al pensiero di non potermi esibire in pubblico, così mi sono armata di coraggio e ho improvvisato un dj set in diretta sulla mia pagina pubblica, per la prima volta in vita mia, direttamente da casa e con i pochi mezzi tecnici che avevo a disposizione, intitolando questo progetto QUARANTENA IN ROCK.. Esperimento a quanto pare, inc…

Ell 'n Rock : Skunk Anansie

Il 1999 per me fu un anno di grandi emozioni... Sapete, ci stavamo avvicinando al 2000 e si stava per accedere ad una nuova era.. Nell'aria c'era eccitazione, paura del futuro ed al contempo felicità....ma eravamo tutti giovani, carichi di sogni ed allietanti prospettive. 

Anche io, come molte mie coetanee, al tempo quindicenni, ero alla scoperta di me stessa.. divisa tra musica rock ascoltata attraverso le orme del papà, sommersa da vinili e registrazioni video vhs, e le discoteche "unz unz" della domenica pomeriggio dove si consumavano i primi limoni duri da pellicola cinematografica negli angoli bui dei divanetti colorati. 

Felicità, strobo,fumi ed emozioni con Gigi d'Agostino in sottofondo ed un lieve giramento di testa dato dalle prime sigarette fumate a bocca. Il proibito dell'innocenza, gli anni più belli e genuini della vita. Ecco cosa significava per me avere 15 anni. 
Nello specifico, del 1999 però, ricordo con particolare fervore, un album che dal mom…