Passa ai contenuti principali

Cliff Burton, metal never ends.


Clifford Lee Burton nasce a Castro Valley, cittadina della California, il 10 febbraio del 1962. 
Fin da giovanissimo studia musica classica e prende lezioni di pianoforte.
E’ però all’età di 14 anni che decide di dedicarsi completamente allo strumento col quale si guadagnerà un posto nella storia del Rock, ovvero il basso!



Cliff passa ore e ore a suonare tra lezioni e gruppi locali (su tutti gli Agents of Misfortune), sviluppando una notevolissima abiltà tecnica e il suo stile personale.
Nel 1980 si unisce ai Trauma, band speed metal della Bay Area. Ed è proprio ad un concerto dei Trauma che Cliff fa l’incontro che gli cambia la vita: a sentirlo suonare ci sono tre ragazzi che di nome fanno James Hetfield, Lars Ulrich e Kirk Hammet, in poche parole i Metallica!
I tre stanno cercando un bassista ed entusiasti della performance di Cliff gli offrono immediatamente un posto nella band.
Burton accetta, ma a condizione che gli altri tre musicisti si trasferiscano da Los Angeles a San Francisco.
Con la nuova formazione i Metallica pubblicano Kill’em All (1983), Ride the Lightning (1984) e Master of Puppets (1986). Tre album che sono pietre miliari per tutto il metal e i suoi vari sottogeneri: speed, thrash, heavy.



Cliff a partire dal secondo disco diventa uno dei maggiori compositori del gruppo.
Due bellissimi momenti per godere del suo basso distorto sono la strumentale (Anesthesia) - Pulling Teethl’atmosferico intro di For Whom the Bells Tolls.
Burton sembra essere all’inizio di una prodigiosa carriera, ma purtroppo lo attende un tragico destino.




Il 27 settembre 1986, durante il tour europeo, nei pressi della cittadina Ljungby in Svezia, il pullman della band finisce fuori strada e si ribalta.
Cliff viene sbalzato fuori dal finestrino e rimane schiacciato dal veicolo stesso: per lui non c’è niente da fare.

I compagni scioccati dalla tragica scomparsa del bassista pensano inizialmente di sciogliere il gruppo, ma in seguito, grazie anche al supporto dei familiari di Burton, decidono di continuare a suonare.
Nel successivo …And Justice for All i Metallica dedicano una canzone a Cliff, la lunga ed epica To Live Is To Die.



Nonostante la fine prematura, Cliff Burton è stato un musicista influentissimo in ambito Metal e ha contribuito a regalarci alcuni dei capolavori del genere. Probabilmente i Metallica non hanno più raggiunto il livello dei primi tre album.
Quello che noi possiamo fare per onorare la memoria di Cliff è continuare a far risuonare le sue note nelle nostre casse: rock ‘n’ roll can never die!



Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Ell 'n Rock : Skunk Anansie

Il 1999 per me fu un anno di grandi emozioni... Sapete, ci stavamo avvicinando al 2000 e si stava per accedere ad una nuova era.. Nell'aria c'era eccitazione, paura del futuro ed al contempo felicità....ma eravamo tutti giovani, carichi di sogni ed allietanti prospettive. 

Anche io, come molte mie coetanee, al tempo quindicenni, ero alla scoperta di me stessa.. divisa tra musica rock ascoltata attraverso le orme del papà, sommersa da vinili e registrazioni video vhs, e le discoteche "unz unz" della domenica pomeriggio dove si consumavano i primi limoni duri da pellicola cinematografica negli angoli bui dei divanetti colorati. 

Felicità, strobo,fumi ed emozioni con Gigi d'Agostino in sottofondo ed un lieve giramento di testa dato dalle prime sigarette fumate a bocca. Il proibito dell'innocenza, gli anni più belli e genuini della vita. Ecco cosa significava per me avere 15 anni. 
Nello specifico, del 1999 però, ricordo con particolare fervore, un album che dal mom…

The shakin apes @alzati lazzaro !

Terza serata di Live Music Inverno 2019 al pub Alzati Lazzaro di Gattorna (GE).
Questa volta gli ospiti della serata sono stati i The shakin apes ,gruppo sardo che snocciola rockabilly e rock anni 50 in gran quantità.

La perfomance del gruppo è stata favolosa e, vuoi l'intimià del locale, ci ha coinvolti appieno.

Il loro frontman e cantante Pierpaolo Sanna ha acquisito tutti i rudimenti necessari per assomigliare ai cantanti che andavano di moda negli anni 50-60, alterna tonalità acute a meravigliosi bassi, come nella cover di Be-bop-a-lula dell' eterno Gene Vincent.


Ma la band ha presentato anche il loro ultimo ep e con canzoni come Enjoy The Show e Under Your Sky ha dimostrato appieno tutte le loro abilità strumentali, fantastico l'entusiasmo che si legge negli occhi e nelle bacchette del  batterista Antonio Cocco che oltre a avere delle abilità formidabili si diverte davvero a farci fare, con gli altri compagni, un balzo agli anni d'oro del rockabilly.



Le canzoni si sus…