Passa ai contenuti principali

Slash al Fabrique di Milano!


Che nottata rockers!
Slash, Miles Kennedy e i Conspirators hanno dato vita a uno di quegli eventi che ti rimangono impressi per mesi a venire.
Nella cornice underground del meraviglioso Fabrique di Milano qualsiasi evento che si preannuncia grandioso diventa ben più di quello che sono le aspettative, sarà la vicinanza dagli artisti, sarà che ieri sera si respirava rock 'n roll ovunque ci si girasse ma di una sera così, in Italia, ne avevamo assolutamente bisogno.

Entriamo nel dettaglio di ciò che Slash&Miles ci hanno fatto ascoltare ieri.

La serata si è aperta con un bel gruppo rock-blues chiamato Bishopp Gunn (di cui parleremo) che dopo venti minuti di intrattenimento ha lasciato il palco a un puntualissimo Slash, iniziando addirittura alle 20.58 (due minuti in anticipo!) con The Call Of Wind, che ha messo subito sull'attenti i più desiderosi di ascoltare le tonalità assurde di Miles e i primi assoli di Slash.



Con Halo,Ghost,Back From Cali iniziamo a capire di che pasta siano fatti i famigerati Conspirators, autori di grandi assoli di basso (Todd Kerns), batteria (Brent Fitz) e accompagnado quelli di Slash con la chitarra ritmica di (Frank Sidoris).

Il Fabrique esplode in un urlo di gioia e appare qualche cartellone, tra cui "Miles you are MY ANTIDOTE" ad accompagnare la canzone sugli antidoti appunto.



Dopo una malinconica, ma rockeggiante, Boulevard Of Broken Hearts, cantata da un Miles in forma startosferica ( di cui non si nota differenza tra live e studio) il microfono viene lasciato al bassista Kerns che da grande intrattenitore offre due stupende interpretazioni di We're All Gonna Die e Doctor Alibi, ricordando Lemmy dei Motorhead, co-autore del brano con Slash.

Ma ora veniamo al "nostro eroe con cilindro e occhiali", che suda, rompe corde e continua a suonare, salta, incita e a volte addirittura parla col pubblico! (cosa per lui non usuale) nel finale ricorda a tutti noi comuni mortali che anche lui è umano sbagliando ben due note!. Ma siamo al cospetto del Dio della chitarra, che ti fa sentire piccolo e estasiato quando lo guardi con le sue manone pronte a farti sciogliere con una assolo di nove minuti su Wicked Stone e a regalarti plettri e sorrisi su Driving Rain e By The Sword.

Fermi tutti! Momento Guns ! Si parte a bomba con Nightrain e tutte quelle magliette sfoggianti il logo dei GNR finalmente sono accontentate nel vedere un grondante Slash lasciare pozze di sudore sull' assolo più hard rock che sia.

Starlight e You're a Lie fanno da preludio a uno dei primi successi del team Slash-Miles cioè World On Fire, effettivamente "on fire" è lo slang giusto per definire lo stato d'animo dei rockers presenti c'è chi balla e c'è chi piange di gioia, tutte sensazioni che solo il rock può dare.




L'ultimo brano della serata diventa così una dolce-amara sensazione, la dolcezza ce la da Anastasia, il brano che mette più in mostra la paurosa tecnica di Slash e regala un riff che ti fa uscire canticchiando nella lunga fila verso l'uscita, nessuno vorrebbe andarsene da una serata così, con artisti così, con un dio della chitarra così, che ci ha regalato emozioni grandi così.

Thanks Slash!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione. 

Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti. 



Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa splendida realtà co…

Ell 'n Rock : Skunk Anansie

Il 1999 per me fu un anno di grandi emozioni... Sapete, ci stavamo avvicinando al 2000 e si stava per accedere ad una nuova era.. Nell'aria c'era eccitazione, paura del futuro ed al contempo felicità....ma eravamo tutti giovani, carichi di sogni ed allietanti prospettive. 

Anche io, come molte mie coetanee, al tempo quindicenni, ero alla scoperta di me stessa.. divisa tra musica rock ascoltata attraverso le orme del papà, sommersa da vinili e registrazioni video vhs, e le discoteche "unz unz" della domenica pomeriggio dove si consumavano i primi limoni duri da pellicola cinematografica negli angoli bui dei divanetti colorati. 

Felicità, strobo,fumi ed emozioni con Gigi d'Agostino in sottofondo ed un lieve giramento di testa dato dalle prime sigarette fumate a bocca. Il proibito dell'innocenza, gli anni più belli e genuini della vita. Ecco cosa significava per me avere 15 anni. 
Nello specifico, del 1999 però, ricordo con particolare fervore, un album che dal mom…

The shakin apes @alzati lazzaro !

Terza serata di Live Music Inverno 2019 al pub Alzati Lazzaro di Gattorna (GE).
Questa volta gli ospiti della serata sono stati i The shakin apes ,gruppo sardo che snocciola rockabilly e rock anni 50 in gran quantità.

La perfomance del gruppo è stata favolosa e, vuoi l'intimià del locale, ci ha coinvolti appieno.

Il loro frontman e cantante Pierpaolo Sanna ha acquisito tutti i rudimenti necessari per assomigliare ai cantanti che andavano di moda negli anni 50-60, alterna tonalità acute a meravigliosi bassi, come nella cover di Be-bop-a-lula dell' eterno Gene Vincent.


Ma la band ha presentato anche il loro ultimo ep e con canzoni come Enjoy The Show e Under Your Sky ha dimostrato appieno tutte le loro abilità strumentali, fantastico l'entusiasmo che si legge negli occhi e nelle bacchette del  batterista Antonio Cocco che oltre a avere delle abilità formidabili si diverte davvero a farci fare, con gli altri compagni, un balzo agli anni d'oro del rockabilly.



Le canzoni si sus…