Passa ai contenuti principali

Slash al Fabrique di Milano!


Che nottata rockers!
Slash, Miles Kennedy e i Conspirators hanno dato vita a uno di quegli eventi che ti rimangono impressi per mesi a venire.
Nella cornice underground del meraviglioso Fabrique di Milano qualsiasi evento che si preannuncia grandioso diventa ben più di quello che sono le aspettative, sarà la vicinanza dagli artisti, sarà che ieri sera si respirava rock 'n roll ovunque ci si girasse ma di una sera così, in Italia, ne avevamo assolutamente bisogno.

Entriamo nel dettaglio di ciò che Slash&Miles ci hanno fatto ascoltare ieri.

La serata si è aperta con un bel gruppo rock-blues chiamato Bishopp Gunn (di cui parleremo) che dopo venti minuti di intrattenimento ha lasciato il palco a un puntualissimo Slash, iniziando addirittura alle 20.58 (due minuti in anticipo!) con The Call Of Wind, che ha messo subito sull'attenti i più desiderosi di ascoltare le tonalità assurde di Miles e i primi assoli di Slash.



Con Halo,Ghost,Back From Cali iniziamo a capire di che pasta siano fatti i famigerati Conspirators, autori di grandi assoli di basso (Todd Kerns), batteria (Brent Fitz) e accompagnado quelli di Slash con la chitarra ritmica di (Frank Sidoris).

Il Fabrique esplode in un urlo di gioia e appare qualche cartellone, tra cui "Miles you are MY ANTIDOTE" ad accompagnare la canzone sugli antidoti appunto.



Dopo una malinconica, ma rockeggiante, Boulevard Of Broken Hearts, cantata da un Miles in forma startosferica ( di cui non si nota differenza tra live e studio) il microfono viene lasciato al bassista Kerns che da grande intrattenitore offre due stupende interpretazioni di We're All Gonna Die e Doctor Alibi, ricordando Lemmy dei Motorhead, co-autore del brano con Slash.

Ma ora veniamo al "nostro eroe con cilindro e occhiali", che suda, rompe corde e continua a suonare, salta, incita e a volte addirittura parla col pubblico! (cosa per lui non usuale) nel finale ricorda a tutti noi comuni mortali che anche lui è umano sbagliando ben due note!. Ma siamo al cospetto del Dio della chitarra, che ti fa sentire piccolo e estasiato quando lo guardi con le sue manone pronte a farti sciogliere con una assolo di nove minuti su Wicked Stone e a regalarti plettri e sorrisi su Driving Rain e By The Sword.

Fermi tutti! Momento Guns ! Si parte a bomba con Nightrain e tutte quelle magliette sfoggianti il logo dei GNR finalmente sono accontentate nel vedere un grondante Slash lasciare pozze di sudore sull' assolo più hard rock che sia.

Starlight e You're a Lie fanno da preludio a uno dei primi successi del team Slash-Miles cioè World On Fire, effettivamente "on fire" è lo slang giusto per definire lo stato d'animo dei rockers presenti c'è chi balla e c'è chi piange di gioia, tutte sensazioni che solo il rock può dare.




L'ultimo brano della serata diventa così una dolce-amara sensazione, la dolcezza ce la da Anastasia, il brano che mette più in mostra la paurosa tecnica di Slash e regala un riff che ti fa uscire canticchiando nella lunga fila verso l'uscita, nessuno vorrebbe andarsene da una serata così, con artisti così, con un dio della chitarra così, che ci ha regalato emozioni grandi così.

Thanks Slash!

Commenti

Post popolari in questo blog

Lez Rock L.A.C.K.S. by @fabioaxlsilv

Cari amici rockers è per me un immenso piacere darvi il benvenuto a L.A.C.K.S., un piccolo salotto un po' burlesque, con qualche soprammobile kitsch, dove ci si può sempre sedere su una comoda poltrona, accendere un giradischi e iniziare un viaggio con il gracchiare di un vinile. Un soggiorno in cui aleggia nell’aria un mantra “Là dove c'è buona musica troverai persone vere”.  Chi ha visto le anteprime pubblicate finora dalla redazione di LEZ Rock può essersi fatto un'idea. Beh, è finalmente arrivato il momento in cui posso svelarvi ogni segreto, ogni arcano mistero dietro a questo acronimo e voglio cominciare dal suo significato letterale.  Lacks è una parola inglese che significa "vuoto, lacuna, mancanza". Chi non le ha mai avute, sentite sulla propria pelle, nelle proprie viscere del proprio ego nella vita?! Tutti, è inutile far finta. Ognuno di noi sicuramente ha provato un senso di inadeguatezza davanti a qualcuno o qualcosa in una data situazione durante la

Intervista allo storico club underground di Genova, il Quaalude!

Abbiamo intervistato i gestori del locale storico Genovese, il QUAALUDE, sito in Piazza Sarzano e  punto di ritrovo per tutti i rockers della città; in questo momento sta soffrendo gli effetti della pandemia, come tutto il settore live. Ecco cosa ne pensano di tutto ciò: La nostra prima domanda sarebbe "come va?", ma conosciamo la situazione e allora vi chiediamo, quanto vi manca potere lavorare e il contatto con i vostri rockers di Genova?  Non hai idea di quanto soffriamo! Mi capirai se ti dico che il Club per noi è un vero momento di incontro con i nostri fratelli di musica, i Quaaluders, che da anni frequentano il circolo. Pensare a tutti i gruppi che ci contattano per una serata, il non poter nemmeno ipotizzare una data di riapertura.. E' veramente dura. Mentre stavamo provando una soluzione alternativa per riaprire e fare le nostre serate musicali è arrivato il nuovo (o meglio vecchio, vista la velocità con cui li scrivono...) DPCM, ultima mazzata per la quasi rovi

Rock film -School of Rock (2003)

Dewey Finn, eccentrico chitarrista costantemente al verde, viene cacciato dalla sua band e si ritrova a fare il supplente in una scuola per fortunati rampolli..... Guarda il film sul nostro blog LEGALMENTE acquistandolo da Google! ù